M. Gisella Catuogno
Percorsi

Vedi
Titolo Percorsi
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Poesia - Introspettiva      
Dedicato a
alla fatica quotidiana e al coraggio della quotidianità
Pubblicata il 07/12/2004
Visite 4277
Scritta il 01/12/2004  
Punteggio Lettori 127
Percorro le vie
della mia irrequietezza
attraverso sentieri
orfani di ciclamini
e di cisti fioriti,
assaggiando svogliatamente
il pane amaro
del tempo che incalza.
Mi lascio lambire
da rami di sempreverdi
e ne cerco l’abbraccio
per attingere tenacia
come edera testarda;
accarezzo tronchi
vestiti di muschio
da cui aspiro avida
il lontano profumo d’infanzia;
mi affanno su crinali impervi
dove ricci di castagne
mi feriscono le mani.
Raggiungo distese
di gigli selvatici
appena sfioriti
su cui lascio cadere
le mie lacrime
d’inadeguatezza.
Alzo lo sguardo
a scorgere
il volo del falco
indifferente
alla mia impotenza
e riprendo il cammino
lasciando
orme evanescenti
a inseguire
la mia ombra.

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi