Pier Paolo Sciola
Canto di Fine Danno

Vedi
Titolo Canto di Fine Danno
Autore Pier Paolo Sciola
Genere Poesia      
Pubblicata il 31/12/2005
Visite 1982
Punteggio Lettori 68
fredda e indifferente questa sera o un’altra
di natali soli senza penne o su di lì la fine
il nuovo che comincia la mansarda negli oggetti
vecchi smessi i libri arati le fotografie
di polvere in soffitta gli strumenti inanimati privi
di sonoro senza denti e un po’ di mani il telefunken
ventre gonfio dinosauro d’altri mondi in bianco e nero
la tua carne assiderata calda di palude piena
di gettoni risparmiati finalmente da imbucare...

siamo fatti di metallo e gas l’idrogeno l’ossigeno
il piombo le scorreggie ferro zinco e un pizzico
il silicio nelle natiche quanto basta a grammi cento
mica tanto per la nostra supposta inumana intelligenza
per il male coccolato e il bene che non ti viene fuori
che non sai dare o esprimere o capitalizzare per
il tuo sentirti solo ma non solo circondato di dovere
e obblighi di sobrietà vorresti andare scorrere
lasciarti sottoterra in fondo in fondo smetterti...

suona su nel piatto vortice la musica invecchiata...

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi