M. Gisella Catuogno
Prima che la sera scenda le sue ombre

Vedi
Titolo Prima che la sera scenda le sue ombre
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Poesia      
Dedicato a
agli amici
Pubblicata il 19/09/2007
Visite 3517
Scritta il 01/09/2007  
Punteggio Lettori 56
Se per te è indifferente
me ne resterò qui, su questo scalino
incrostato di sale e conchiglie,
a aspettare la fine del giorno
respirando le nuvole bianche
vagabonde nell’ultimo azzurro.
I pensieri sono in libera uscita
migranti come uccelli di passo
dal brusio troppo fitto
dei sussurri molesti.

Voglio vivermi un attimo
penetrata di luce soffusa
come sasso scaldata
dal tepore del sole,
come foglia nutrita
dalle gocce di linfa:
non ho forza né voglia
di camminare veloce
sul selciato di sempre,
di spiegare le vele
e assecondare il maestrale,
di regalare steli di rose
liberi dal peso delle spine

Lasciami qui a tingermi del rosso
del tramonto

[melagrana matura
sulle labbra dischiuse]

a spremerne il calore

[amplesso d’amanti ubriachi di sé]

a goderne ogni tono sfumato

[morbide sete d’Oriente, porpora fenicia]

prima che
la sera
scenda le sue ombre.






Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi