M. Gisella Catuogno
Thyssen Krupp

Vedi
Titolo Thyssen Krupp
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Parole in Libertà      
Dedicato a
quei poveri morti, a tutti i morti sul lavoro
Pubblicata il 11/12/2007
Visite 3698
Scritta il 10/12/2009  
Punteggio Lettori 30
Note è un piccolissimo, indegno contributo, ma sento di doverlo dare
Chissà che pensieri affollavano

la vostra mente quando entraste

come tutti i giorni in fabbrica,

fuori il cielo, cristallo dicembrino

le vie già agghindate per le feste?!

L’inferno v’aspettava come sempre

e voi come fantasmi ad aggirarvi

tra quella vampa, il rumore, l’abbaglio della luce

ma il cuore fuori, ai figli, alle compagne

al Natale vicino, al pranzo apparecchiato

ai soldi che non bastano, ai piccoli regali.

Poi il fuoco che si libera, impazzisce

danza, lambisce, vortica, v'infiamma:

concitazione urla rabbia impotenza strazio.

E su quei letti, grumi vivi di dolore,

per qualche giorno ancora;

poi pianto, rabbia, buia disperazione

e quel padre che grida: Assassini!

Ventisei anni…chi mi ridarà mio figlio!?

Nessuno può alleviare la sua pena.


Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi