M. Gisella Catuogno
Ponti

Vedi
Titolo Ponti
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Poesia      
Pubblicata il 24/01/2009
Visite 3118
Scritta il 01/01/2009  
Punteggio Lettori 50

Qualcuno -un amico-
un caro amico
casualmente scoperto
e inserito tra le gemme
dello scrigno
le ha regalato una prospettiva
diversa da cui scrutarsi
e inedita per lei:
le ha detto che di continuo
nella sua vita inquieta

costruisce ponti

e non si arrende
se glieli sfanno
ma -come una formica
le briciole di pane-
mattone su mattone
ne innalza uno nuovo
e aspetta d’avere più fortuna.
Alcuni sono larghi e comodi
-vi passerebbe un tir-
e solidi come una cattedrale;
seppure fatti di ferro e cemento
la levità è di marmo arabescato:
vi transita l’amore che regala
cornucopie di sole
e non esige nient’altro;
altri, invece,
sottili, vacillanti
sospesi nel vuoto
pur nella loro tenacia
richiedono la perizia
dell’acrobata perché
l’equilibrio è precario
e la sponda lontana:
vi transita l’ amore
che sfiorisce risposte
e fa preferire talvolta
l’esiguità d’una nicchia
e una solitudine ardente.




Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi