M. Gisella Catuogno
Pasquamara

Vedi
Titolo Pasquamara
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Parole in Libertà      
Dedicato a
quei morti e ai loro vivi
Pubblicata il 10/04/2009
Visite 3154
Scritta il 10:04:09  
Punteggio Lettori 10
Si dice: vittime del terremoto
in quelle bare di mogano o bianche
tutte accanto
a farsi compagnia
come aiuole ricoperte di fiori
in questa primavera
di disincanto.
Si dice: fatalità, destino
gente fiera e dignitosa
gli Abruzzesi.
Ma la terra fa il suo:
si scrolla, s’aggiusta, si sistema
per continuare il suo viaggio
quasi eterno per noi nell’universo.
Chi sbaglia spudoratamente
sono gli uomini, certi uomini almeno.
Sono loro per incuria, per disprezzo
per lucro, leggerezza, sciatteria
a interrompere i giochi di quei bimbi
i progetti di vita d’amore di speranza
di quei ragazzi rimasti all’Aquila a studiare
per poi godersi in santa pace le vacanze.
Pasqua amara, Pasqua di lacrime e dolore.

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi