M. Gisella Catuogno
La mia scuola profumava di mare

Vedi
Titolo La mia scuola profumava di mare
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Poesia      
Dedicato a
ll´infanzia di ieri
Pubblicata il 06/05/2009
Visite 3205
Punteggio Lettori 58
Note L´ho trovata dimenticata tra i documenti...
La mia scuola profumava di mare:
batteva là sotto quand’era scirocco
e alghe e sale piangevano i vetri.
Il pane sapeva di zucchero e burro
d’inchiostro e di carta assorbente.
Una stagione duravano le maestre:
le consumava la nostalgia di casa
le sfiniva quel posto di frontiera.
Prima e seconda insieme: agli uni
il dettato, agli altri un bel problema
e poi a quelli il disegno, a questi il
pensierino [parla dei tuoi giochi, dei
tuoi amici, dei tuoi fratelli, di quello
che ti pare, anche del tuo paese, certo]
Io parlavo di Poppy, il bambolotto,
un occhio tenuto aperto da un pezzo
di stecchino o di mio padre, che non
c’era mai e stava su una nave in mezzo
al mare, oltre gli spruzzi, oltre l’orizzonte.
Avevo grembiule bianco e fiocco rosa
caschetto bruno e cappottino rosso
sussidiario e sogni dentro la cartella.

M’incantava la vista della nave
che arrivava, di notte, tutta in festa
superba di lucine sfavillanti:
io la guardavo dai vetri di cucina
appannati dal mio respiro caldo
e dal calore buono della stufa a legna.


Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi