Gabriele Lupi
Fontana ovvero Distratta Attenzione

Titolo Fontana ovvero Distratta Attenzione
Autore Gabriele Lupi
Genere Poesia      
Pubblicata il 01/05/2021
Visite 144
Editore Liberodiscrivere
Collana Nuda Poesia  N.  45
ISBN 9788893392440
Pagine 94
Prezzo Libro 10,00 € PayPal
Giovani librai lacrimavano in pozzanghere di petrolio
- Forse ho trovato l’accordo segreto per il Bene -
La madre di tutti gli alberi secchi mi lanciò frecce d’inchiostro.
 
 
 
 
 
Non si muore quando si deve, ma quando si può
Gabriel Garcia Marquez
 
con le nostre camicie inutili a coprire i nostri anelli
sorridenti danzavamo maldestri su setole e pavimenti
stelle danzanti e pietre pensierose
erano le nostre dame vestite d’arance
 
le luci creavano oscurità
più chiarificatrice e i suoni
servivano per non far vibrare le nostre vocali
 
corteggiavamo nudi dietro ai nostri bicchieri
le sere e i giorni più fedeli
e fedeli ci spogliavamo
 
nudi e vuoti eravamo gioiosi
e il caos si poteva muovere
mascherandosi con dei ritmi
 
l’attimo ritornava eterno
e le vostre voci sparse effluivano
dagli occhi ubriachi dei sobri
 
 
 
C’è sfuggito allora, ma non importa:
domani andremo più in fretta, allungheremo di più le braccia… e una bella mattina... 
Così remiamo, barche controcorrente, risospinti senza sosta nel passato.
 
F. S. Fitzgerald
 
E le noie complementari delle cadute in acqua
e nuovamente le implicature nei pugni tirati alle stelle
e il principe dei vini che ci urla di fare silenzio
e di svegliarci accanto a estintori emotivi in garage alluvionati
e le meraviglie abitudinarie di recidere righe dalle agende
 
- Forse non siamo che un calzino sgualcito dal vento
o in contromisura un brutto Picasso
messo in mostra in una fiera di paese -à
 
E intanto una pianista russa con fare gracchiante
suona Bach in una chiesa obliata dal diavolo
e dai pittori di provincia
 
- Forse veramente ci siamo dimenticati
di domandare il permesso di fingere vitalismi tristi -
 
E gli appunti su Pessoa bagnati dal brodo di tua nonna
e i ristoranti assalta ti di notte da libertari democristiani
assunti a colpi di vermut
 
 
 
- Forse vorremmo zoppicare anche noi fra le camere dei nobili
e possibilmente accasciarsi su panchine urlanti piogge sagge -
E uccidiamo gli amanti di macchine tedesche grazie ai testacoda sul molo
e tagliamo sigari sotto la pressione degli occhi matrimoniali
e le zanzare si immergono in biscotti zuppi di sapone
 
- Cosa blocca il mio amore per lei su un treno colerico? -
e le altre tue domande impresse nelle caffettiere balbuzienti
e le nostre risposte sulle nostre origini locali
e le vele date in fiamme dai nuotatori di rhum
 
- Con molta probabilità mi sono addormentato
sugli occhi di Dostoevskij -
e mille altre scuse a cui non abbiamo mai creduto
 
 
 
come quando una bomba di colore arancione
inietta nel cielo i propri sentimenti e bandiere
poetiche e ideali e i forni dei panettieri e i corrieri
in tuta mimetica assalgono gli ultimi alberi capitolini.
 
- Le piante grasse sono secche per la troppa acqua
causata dall’aumentare dei biglietti dei treni -
E i teatri scartano spazi vuoti simili e analoghi
alle finestre delle aule liceali e celebrali.
 
I tuoi ricordi sono il metro per i miei olfatti patriottici
e gli operatori ecologici sfavillano sui cancelli
fossilizzati dalle dimenticanze dei cani romantici.

 

Giovani librai lacrimavano in pozzanghere di petrolio
- Forse ho trovato l’accordo segreto per il Bene -
La madre di tutti gli alberi secchi mi lanciò frecce d’inchiostro.

 

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi